ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Partners

aziende utili

Quale è l'età giusta per iniziare una terapia ortodontica?

Ci sono un'infinità di motivi per prendersi cura del proprio sorriso a tutte le età. Lo specialista in Ortodonzia è a disposizione per fornire un servizio di fondamentale importanza.

a cura di: ASIO Associazione Specialisti in Ortodonzia

Questa è una delle domande che più spesso i genitori si pongono e che il più delle volte non trova adeguata risposta. Cercheremo quindi di fornire alcune indicazioni utili che consentano a tutti di chiarirsi le idee. Per iniziare liberiamo subito il campo da malintesi: non esiste una specifica età per iniziare una cura ortodontica. Tutte le discussioni su forum e liste di discussione  di cui abbiamo testimonianza su internet non possono essere prese a riferimento per tutti, in quanto il più delle volte sono pareri riferiti a casi specifici. Mancano spesso di fondamento anche i consigli forniti dai giornali come quelli che di recente sono stati pubblicati da uno dei cosiddetti esperti sul settimanale Oggi in cui si sostiene che le terapie ortodontiche prima della pubertà sono inutili.

Si può genericamente affermare che se un bambino presenta una deviazione della propria crescita fisiologica causata da abitudini viziate (uso del ciuccio, del succhiotto, del biberon, suzione del pollice, etc...) oppure, se c’è un'alterazione di alcune funzioni (respirazione, deglutizione, etc...) è probabile che sia necessaria una terapia ortodontica precoce, per ovviare alle deformazioni rispetto alla crescita normale che il vizio causa. Altrettanto genericamente si può dire che se il problema che il bambino presenta è di origine genetica (cioè se una certa caratteristica legata alla natura del bambino, come ad esempio il fatto di avere un rapporto tra le dimensioni dei denti e lo spazio disponibile alterato) il momento opportuno per operare la correzione sarà al termine della crescita.

Detto tutto questo, deve essere chiaro a tutti che ogni paziente e quindi ogni bambino, presentano delle unicità che fanno sì che per ciascuna persona a questo mondo ci sarà un personale momento più favorevole per iniziare la terapia ortodontica.  La difficoltà maggiore è sempre quella di individuare quel momento con precisione. In altre parole, non basta saper fare la cosa giusta (cioè saper usare gli apparecchi), ma bisogna anche sapere quando farla.
Per tutti questi motivi l’unica persona che ha le specifiche conoscenze, la preparazione e l’esperienza per poter rispondere alla domanda:

Quando è il momento di mettere l'apparecchio ortodontico?

E' lo SPECIALISTA IN ORTODONZIA. Ovviamente la risposta non verrà fornita  in base a capacità iniziatiche o divinatorie ma solo dopo una attenta visita e se necessario dopo uno studio degli esami clinici specifici.
A questo punto sorgerà in molti una seconda domanda:

Quale è l’età giusta per fare una prima visita ortodontica?

Rispondere a questa domanda è più facile: secondo l’AAO (l’Associazione Americana degli Ortodontisti che a livello mondiale è il riferimento standard per l’ORTODONZIA) l’età giusta per visitare per la prima volta un bambino è tra i 4 ed i 7 anni. Con ciò nessuno  deve  pensare che dopo sia troppo tardi. Ma tra i 4 ed i 7 anni è il momento giusto per affrontare molti problemi che se affrontati più tardi diventerebbero più complicati.

La maggioranza dei bambini, anche se non vi saranno indicazioni per una terapia, nel corso della visita riceverà quell’inquadramento utile a poter programmare la futura salute orale. Nel corso della visita la famiglia riceverà rassicurazioni e molte informazioni necessarie per crescere in una buona condizione di salute orale.

Lo specialista in Ortodonzia ha la preparazione accademica, la competenza e la professionalità per visitare i bambini  (e non solo) di ogni età e di fornire ai genitori tutte le informazioni necessarie sul caso in questione. Nel caso in cui una terapia si renda necessaria, lo specialista in Ortodonzia ha la capacità tecnica di scegliere la modalità più indicata per risolvere il caso nei modi e tempi opportuni. Lo scopo è quello di correggere sul nascere non solo le problematiche relative alla dentatura, ma anche quelle legate alla muscolatura e all'ossatura (senza in questa sede affrontare le correlazioni più impensabili tra occlusione, postura, oculomotricità, funzioni cognitive, etc... ), assicurando così per il futuro ai nostri figli un sorriso più armonioso e soprattutto più sano. Una bocca con denti ben allineati con una funzione neuromuscolare equilibrata ed una corretta occlusione agevola le manovre di pulizia quotidiane ed il mantenimento di tessuti gengivali sani. Molto spesso si comincia un trattamento ortodontico già in tenera età, anche grazie alla collaborazione tra la figura dell'ortodontista e quella del pediatra, che a volte è il primo a riconoscere alcuni sintomi collegati alle funzioni respiratorie e masticatorie che richiedono il parere di una figura come lo specialista come l'Ortodontista.

L’ortodonzia degli adulti: cos'è?

L’ortodonzia degli adulti viene effettuata in tutti quei casi in cui, per diversi motivi non si è potuto risolvere i problemi presentatisi durante la crescita.

L’adulto si rivolge allo Specialista in Ortodonzia:

  • per allineare i denti e migliorare l’estetica
  • perché accusa problemi all’articolazione temporo mandibolare ATM durante la masticazione o a riposo
  • perché digrigna i denti durante la notte (bruxismo) o
  • perché i denti storti favoriscono l’insorgere di malattie dei tessuti di sostegno del denti o
  • perchè si devono predisporre meglio i denti prima della costruzione di protesi o l’inserimento di impianti.

Qualunque sia la motivazione che spinge l’adulto dallo Specialista in Ortodonzia, in questo professionista  troverà una persona  attenta ad ognuno degli aspetti citati, che si prenderà cura della persona e del suo sorriso instaurando una corretta relazione terapeutica, base indispensabile per il successo di qualsiasi cura.

Ci sono un'infinità di motivi, tutti ugualmente importanti, per prendersi cura del proprio sorriso a tutte le età. Lo specialista in Ortodonzia è a disposizione per fornire un servizio sociale di fondamentale importanza. Assicuratevi che sia iscritto all’Associazione degli Ortodontisti ASIO.

11/3/2011

18/7/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La febbre nel bambino
Informazioni e raccomandazioni utili sulla febbre nei bambini.
Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte